8:00 - 19:00

Apertura studio da Lunedì a Venerdì.

+39 081.404.236

Contatta lo studio per una consulenza

Facebook

Search
 

Accollo e acquisto crediti iva

Avvocato Giovanni Palma > Firm > Accollo e acquisto crediti iva

Il contratto di Accollo del debito tributario e l’adempimento mediante compensazione.

Un contribuente titolare di “crediti fiscali” dichiara di volersi fare carico (cosiddetto «contratto di accollo») del debito di un altro contribuente e procede al pagamento, al posto di questi, del suo modello F24. Nel fare ciò, tuttavia, utilizza in compensazione i propri crediti fiscali verso lo Stato e pertanto non versa alcuna somma, richiedendo al contribuente a cui ha pagato le imposte.

La compensazione è un istituto di origine civilistica attraverso il quale il contribuente, che vanta crediti d’imposta, può utilizzare questi per estinguere eventuali debiti della stessa natura o di tipo contributivo e previdenziale, evitando in tal modo l’eccesivo aumento di adempimenti.

 

 

È stata espressamente disciplinata nel decreto legislativo del 9 luglio 1997, n. 241 e, in seguito, ribadita nello Statuto dei diritti del contribuente , che all’art. 8, intitolato “ Tutela dell’integrità patrimoniali ”, primo e secondo comma, introduce due novità, prevedendo che “ l’obbligazione tributaria può essere estinta anche per compensazione “ , e l’ammissione dell’accollo del debito di imposta altrui, generalizzando così l’applicazione dell’istituto in esame.

Sebbene tale possibilità sia considerata da molti operatori lecita, in assenza di una normativa attuativa, a mio parere  non vi è dubbio che esistano concreti rischi che l’operazione, soprattutto se fatta su larga scala ed in modo professionale, possa essere riqualificata e considerata una sorta di abuso del diritto.

 

 

Colui che paga il debito fiscale, mediante accollo, cederà il suo credito ad un prezzo inferiore la nominale. Il debitore dell’imposta, in pratica, avrà un risparmio fiscale, accettando però di condividere con il primo soggetto il rischio di eventuali accertamenti fiscali futuri.

Affinché il credito possa essere ceduto o accollato, anche se per questo secondo caso, manca totalmente una normativa attuativa di riferimento, sembra potersi dire che esso deve, prima di tutto,  essere stato liquidato mediante la richiesta a rimborso.

 

 

Per tale ragione, in ogni caso, deve pregiudizialmente riflettersi brevemente sulla normativa prevista per i rimborsi Iva.

Vedi anche:

  • La Compensazione dei crediti tributari
  • Compensazione dei debiti tributari e cessione del credito IVA
  • Liquidazione dell’IVA di gruppo.

Richiedi supporto al nostro studio legale

Chi siamo

Lo Studio Legale e Tributario nasce dall’intento del suo fondatore, Avvocato Giovanni Palma, di operare una sintesi di affermate realtà professionali, avvocati e commercialisti a tutela del cittadino, che mettessero a fattore comune le loro esperienze nell’ambito della consulenza legale e tributaria, rivolta alla clientela italiana e straniera. Valori di professionalità e di eccellenza ispirano e caratterizzano l’operato dei professionisti che operano nello Studio.

La presenza a Napoli, Roma, Milano, Londra ed in svariati paesi comunitari e non, garantisce ai clienti i più moderni standard internazionali di consulenza.

Lo Studio Palma consolida la propria vocazione internazionale, potendo contare su una rete globale di collaudate relazioni, avendo però cura di mantenere la propria indipendenza quale Studio Legale e Tributario italiano.

La strategia internazionale dello Studio Palma matura sviluppando rapporti con altri primari Studi esteri, instaurando solidi programmi di cooperazione con altre realtà locali e prevedendo anche dei distaccamenti di nostri professionisti.

Relativa al diritto civile
Le disposizioni della presente legge, in attuazione degli articoli 3, 23, 53 e 97 della Costituzione, costituiscono princìpi generali dell’ordinamento tributario e possono essere derogate o modificate solo espressamente e mai da leggi speciali. 2.  L’adozione di norme interpretative in materia tributaria può essere disposta soltanto in casi eccezionali e con legge ordinaria, qualificando come tali le disposizioni di interpretazione autentica. 3.  Le regioni a statuto ordinario regolano le materie disciplinate dalla presente legge in attuazione delle disposizioni in essa contenute; le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Bolzano provvedono, entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, ad adeguare i rispettivi ordinamenti alle norme fondamentali contenute nella medesima legge. 4.  Gli enti locali provvedono, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, ad adeguare i rispettivi statuti e gli atti normativi da essi emanati ai princìpi dettati dalla presente legge.